Assicuratevi una maternità serena

Tra momenti di pura gioia, dubbi e ansie profonde, aspettare un bambino è un’altalena di emozioni. E voi, come vivete questa esperienza? Forse vi sentite incalzati dagli aspetti pratici da sbrigare prima del momento tanto atteso. Scoprite come scegliere l’assicurazione-malattia per il vostro bambino: sarà una preoccupazione in meno!

Condividete

Fin dal primo giorno accoglierete il vostro bebè con tutto l'amore e l'attenzione di cui ha bisogno per iniziare una vita appagante e per sentirsi al sicuro. Garantirgli questo benessere implica, fra le altre cose, la scelta di una copertura assicurativa che protegga dai rischi finanziari. In questo modo voi e il vostro bambino riceverete le cure migliori in qualsiasi circostanza.

In Svizzera, l’assicurazione di base è obbligatoria fin dalla nascita. Dovrete quindi iscrivere vostro figlio a una cassa malati entro i primi tre mesi di vita, e pagare i suoi premi in modo retroattivo. Tuttavia, quando sarà il momento di iniziare la vostra nuova vita di mamme (e di papà!) le pendenze amministrative saranno probabilmente l’ultima cosa a cui avrete voglia di pensare. Proprio per questo si può registrare il bambino presso una cassa malati prima del parto. In seguito non vi resterà che inviare una email comunicando il nome e la data di nascita del bambino.

Meglio prevenire!

Un altro vantaggio dell’iscrizione prenatale è che, se lo si desiderate, potete richiedere un’assicurazione complementare per vostro figlio fin dal primo giorno di vita, senza compilare il questionario sulla salute. Se la richiesta di una complementare viene presentata dopo la nascita, potrebbe anche essere rifiutata, considerando lo stato di salute del bambino. Non rischiate!

Se state pensando ad avere un bambino conviene controllare anche la vostra copertura assicurativa. In occasione di una normale gravidanza, il parto e il periodo di recupero postnatale per la madre sono coperti dall'assicurazione di base, come prestazioni di maternità specifiche (vedi LAMal). Sono inclusi:

  • Gli abituali esami di controllo
  • Due ecografie
  • Un contributo al corso preparto
  • Il parto, all’ospedale o in casa, e l’assistenza di un medico o di un’ostetrica
  • Una consulenza sull’allattamento al seno
  • L’assistenza ospedaliere per il neonato sano

In questo contesto, la franchigia e la partecipazione ai costi non vengono addebitate. Dalla 13a settimana di gravidanza fino all’ottava settimana dopo il parto, non è prevista la partecipazione ai costi delle prestazioni sanitarie per malattia (comprese le eventuali complicazioni). (art. 64 comma 7 e art. 105 LAMal)

Reparto comune, privato o semiprivato?

Se desiderate essere presi in carico in un reparto semi-privato o in clinica privata, vi servirà un'assicurazione complementare. Ricordate comunque che per la maggior parte delle coperture complementari c’è un periodo di attesa. Ciò significa che la copertura entra in vigore solo uno o due anni dopo la stipula.

vviamente, se avete una copertura semi-privata e il vostro bambino ha solo l'assicurazione di base, può restare in camera con voi. Tuttavia la differenza di costo per il servizio di assistenza e per la degenza sarà a vostro carico.

Sorridete alla vita!

Con un semplice sorriso, il vostro bimbo mostrerà di riconoscervi, e vi comunicherà tutta la sua fiducia e il suo amore incondizionato. Più avanti nel tempo, un sorriso luminoso potrà aprirgli molte porte. Purtroppo, circa la metà dei bambini, tra i dieci e i dodici anni hanno denti posizionati in modo irregolare, e necessitano di cure. L’ortodonzia, che non è coperta dall’assicurazione di base, può comportare fino a 15.000.- di spese. Che brivido!

Sottoscrivere un’assicurazione per le cure dentali può sollevarvi da una parte della spesa. La cosa migliore è fare richiesta prima della nascita del bambino. Se aspettate troppo, la richiesta potrebbe essere rifiutata, o l’assicuratore potrebbe escludere la copertura per gli interventi di ortodonzia. In ogni caso, chiedere non costa nulla!