In partenza per le vacanze? Non dimenticate la copertura assicurativa!

Costume, crema, occhiali da sole, è tutto pronto per una bella vacanza in riva al mare! Solo un dettaglio: avete considerato che potreste sentirvi poco bene mentre siete all’estero?

Condividete

Colpo di sole, colica intestinale, incontro indesiderato con un riccio di mare ... Un imprevisto può capitare in qualsiasi momento. E nessuno ha voglia di partire per le vacanze preoccupandosi per queste cose. Scoprite cosa è bene sapere sull’assicurazione malattia e sulla copertura infortuni all’estero, in modo da cavarvela bene qualsiasi cosa capiti!

I numeri vincenti

Per prima cosa, portate con voi la vostra tessera assicurativa. Sarà come avere in tasca tutte le vostre polizze, e non dimenticate il numero per contattare la vostra cassa malati. In caso di necessità, potrete informarvi sulle procedure da seguire e sulle cure e prestazioni cui avete diritto. È consigliabile tenere separate la carta e il numero, e avere sempre con voi i numeri d’emergenza del Paese in cui soggiornate.

La carta assicurativa è valida anche come tessera sanitaria europea. E potete beneficiare delle prestazioni dell'assicurazione malattia in tutti gli stati dell'UE e dell’EFTA, dove sarete considerati assicurati a tutti gli effetti. A seconda dei casi, le spese potranno essere anticipate da un assicuratore locale che provvederà a prelevarle dalla vostra cassa malati, oppure anticiperete voi stessi i vari pagamenti, e al rientro la cassa malati vi rimborserà. Attenzione quindi a conservare tutte le fatture! Le norme vigenti variano da un Paese all’altro. Troverete informazioni dettagliate sulla vostra località di destinazione sul sito dell’Istituzione comune LAMal.

Chi paga cosa

L’assicurazione obbligatoria di base copre le spese per le cure ambulatoriali o per ricoveri d’urgenza in ospedale in tutti i Paesi UE/EFTA. Inoltre, se lavorate più di otto ore settimanali per uno stesso datore di lavoro, siete automaticamente coperti dall’assicurazione contro gli infortuni.

In caso degenza ospedaliera, la fattura viene indirizzata all'Istituzione comune LAMal, che si rivolgerà successivamente alla vostra cassa malati. È bene sapere che all'estero gli ospedali richiedono il pagamento diretto della franchigia, in contanti o con carta di credito. A seconda del Paese, l'importo della quota a vostro carico può essere superiore o inferiore alle tariffe applicate in Svizzera. Chiedete informazioni dettagliate al vostro assicuratore.

Nei Paesi UE/EFTA, l’importo rimborsato dall’assicurazione di base per una prestazione non può superare il doppio di quanto costerebbe lo stesso trattamento in Svizzera. Può sembrare un vantaggio, ma non sempre è così. I cittadini svizzeri in certi Paesi sono considerati ricchi a priori, e non sempre le tariffe sono trasparenti. Inoltre il sistema sanitario varia sensibilmente da un Paese all’altro. Negli Stati Uniti, in Canada, in Giappone e in Australia, per esempio, i costi dei trattamenti sono altissimi. Se siete diretti in uno di questi Paesi, vi conviene sottoscrivere un’assicurazione complementare privata o una polizza assicurativa sul viaggio.

E i costi di trasporto?

L’assicurazione sugli infortuni non prende in carico i costi di rimpatrio se non in casi eccezionali, quando oggettivamente non se ne può fare a meno. E anche in questi casi non è detto che copra le spese per intero. Un rimpatrio può costare decine di migliaia di franchi. Se non siete membri della Rega, valutate un’assicurazione complementare su misura, che copra il trasporto d’urgenza e/o le eventuali operazioni di ricerca e salvataggio.

Posso portare i miei farmaci all’estero?

Se avete bisogno di assumere regolarmente un certo farmaco, assicuratevi di portarne con voi la quantità sufficiente. Potreste avere difficoltà a reperirlo all’estero. Ma come si fa a sapere se nel Paese di destinazione ci sono restrizioni sull’importazione dei farmaci? Se nutrite dei dubbi in merito, fate riferimento alla sezione Consigli di viaggio del sito web del Dipartimento Federale degli Affari Esteri (DFAE). Vi offrirà preziose informazioni sulla vostra destinazione e sulle cure mediche in loco. Potete scaricare un’app gratuita per registrare il vostro viaggio all’estero, in modo da poter essere reperibili in caso di crisi. Trovate tanti consigli di viaggio anche sul sito dell’Istituto svizzero per gli agenti terapeutici swissmedic.