Incidenti e costi di trasporto: chi paga la frattura?

Assicurazione infortuni, costi di trasporto e di salvataggio in Svizzera o all'estero... conoscete le prestazioni della vostra assicurazione? Nella stagione degli sport invernali e delle lastre di ghiaccio, è meglio informarsi! Ecco i dettagli.

Condividete

In caso di incidente, i costi di salvataggio e di trasporto possono essere notevoli. Se siete assicurati contro gli infortuni tramite il datore di lavoro o un’assicurazione privata, queste spese saranno coperte per intero. Se avete invece la sola assicurazione di base - come generalmente avviene per i lavoratori autonomi e le persone senza un'attività lucrativa - la situazione è decisamente più complessa.

Che differenza c’è tra costi di trasporto e costi di salvataggio?

Innanzitutto bisogna distinguere tra costi di trasporto e costi di salvataggio. Il trasporto si riferisce all’accompagnamento del paziente presso il luogo in cui viene curato. Se si rivela necessario per motivi medici – e il paziente non può essere spostato con veicolo privato o trasporto pubblico - l'assicurazione di base copre la metà dei costi sostenuti, fino ad un massimo di 500 franchi all'anno; questo importo è inoltre soggetto alla partecipazione dei costi. Un tragitto in ambulanza può aggirarsi anche sui 1500 franchi, a seconda della regione e del tipo di intervento. Un conto salato, che l'assicurazione di base è ben lontana dal coprire per intero.

Il salvataggio riguarda situazioni in cui una persona è in pericolo di vita e deve essere tratta in salvo. Per esempio, dopo la caduta in un crepaccio. Questo scenario comporta di solito spese molto elevate, il cui rimborso è soggetto a restrizioni e condizioni. L'assicurazione di base copre al massimo 5000 franchi all'anno.

Quali sono i benefici per i donatori della Rega?

In alcuni casi, i donatori della Rega possono essere sollevati, in parte o completamente, dai costi di salvataggio che non sarebbero coperti dalla loro assicurazione. Tuttavia, il rimborso è a discrezione della Rega che, non essendo un'assicurazione, non ha alcun obbligo di offrire gratuitamente questo servizio. Tenete dunque presente che essere donatori non garantisce automaticamente un rimborso completo delle spese di salvataggio.

Incidenti all'estero e rimpatrio

In caso di infortunio durante un soggiorno all'estero, si applicano le stesse condizioni di rimborso previste per le spese di trasporto, mentre nel caso di un salvataggio, l'assicurazione di base non contribuisce ai costi. Questo chiarimento è importante, perché spesso le spese di salvataggio ammontano a migliaia di franchi. Va anche considerato che l'assicurazione di base in genere non copre le spese di rimpatrio. Considerare la possibilità di una polizza assicurativa più ampia potrebbe essere saggio.

Come estendere la vostra copertura assicurativa?

Alla luce di queste precisazioni, se desiderate contare su un'assicurazione che vi dia più sicurezza in caso di imprevisti, ci sono diverse alternative. Alcune assicurazioni complementari garantiscono un rimborso più generoso delle spese di trasporto o di salvataggio in caso di infortunio, arrivando a coprire fino alla somma totale. Altre assicurazioni di viaggio e vacanza coprono anche gli interventi di salvataggio, di emergenza e l’eventuale rimpatrio in Svizzera. Troverete ulteriori informazioni sulle assicurazioni complementari nel nostro glossario.

Concludendo

La prima è più importante domanda quando si valuta un’assicurazione è “che cosa offre come copertura infortuni?”. Trovate tutto ciò che vi serve sapere nella nostra rubrica “guida dell’assicurato”. Fate attenzione alle condizioni e ai limiti delle prestazioni dell'assicurazione di base, ben lontane dal coprire tutte le spese che può comportare un infortunio. Questo vale ancora di più nel caso di un soggiorno all'estero.

Concludendo, prima di andare in vacanza o partire per un weekend... Copritevi bene!